La zona Sud della città. Tra frammenti di verde agricolo e boschi urbani

Un facile percorso che permette di salire dai Trento sud fino al Dosso di San Rocco, passando attraverso le aree verdi dei quartieri di Madonna Bianca, Villazzano 3 e S. Rocco
  • Partenza: Parco "Enzo Tortora"
  • Arrivo: Boschetto della Città

L'itinerario interessa la zona sud di Trento e tocca i quartieri di Madonna Bianca, Villazzano 3 e di S. Rocco, attraversando numerosi parchi e giardini pubblici.

Muovendo dal Prato Grande', presso Viale Verona, si risale verso la la piazza di Madonna Bianca, importante quartiere di edilizia popolare verticale costruito negli anni ‘70 con un'importante presenza di spazi verdi. Una breve digressione permette di visitare la chiesetta di S.Antonio. Poco avanti, superato il sottopassaggio della Ferrovia della Valsugana, si costeggia il quartiere di Villazzano 3, gemello del precedente e concluso nel 1978, fino ad imboccare la salita verso S.Rocco. Divagando dal percorso principale è possibile visitare il Giardino Garbari (pubblico dal 2003), collegato alla storica Villa Taxis. Si tratta di un grande parco dal carattere romantico, realizzato attorno al 1895 da Giuseppe Garbari, sulle vestigia di un precedente giardino seicentesco appartenuto ai conti de Roveretti. Assieme ad una ricca collezione di conifere tutt’oggi visibili, venne realizzata una vasta chiarìa con un faggio monumentale (purtroppo perduto) ed un percorso d'acqua, che si snoda tra laghetti e stagni circondati da piante acquatiche, sfociando con una piccola cascata artificiale nella "valletta selvaggia ".

Il percorso principale prosegue fra i vigneti e le aree residenziali della collina sud, fino ad arrivare al grande Parco di S.Rocco, nell’omonimo quartiere.

La meta del percorso, il Dosso di S. Rocco (469 m) è uno dei leggendari tre denti che presidiavano la conca di Trento e dal quale la città prese il nome. Sulla sommità sorge l’omonimo forte austrungarico. La parte attorno al forte è occupata dal “bosco della città”, che è stato arricchito da varie conifere esotiche di particolare bellezza e interesse botanico.

La presenza umana in questi luoghi è molto antica: poco distante sono conservate le tracce essenziali di un castelliere preistorico (loc. Casteler). Nel XII sec. vi sorgeva Castel Cedra (Castrum Cedre), distrutto nel 1208. Infine l'I.R. Direzione del Genio Militare di Trento lo espropriò per costruirvi una fortezza (Werk San Rocco / Forte di San Rocco 1880 - 1882).

Per maggiori info e approfondimenti guarda la scheda completa su OUTDOORACTIVE 

Consigli di sicurezza

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Rete di Riserve Bondone non è responsabile della gestione e manutenzione dei sentieri sui quali questo percorso si snoda. Si declina quindi ogni responsabilità per danni subiti da persone, animali o cose.

  • Preparate il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra preparazione
  • Scegliete equipaggiamento e attrezzatura idonei
  • Consultate i bollettini meteorologici
  • Partire da soli è più rischioso
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • Non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente date l’allarme chiamando il numero 112

© Rete di Riserve Bondone

c/o Servizio Sostenibilità e transizione ecologica del Comune di Trento. Via V. Alfieri, 6 - 38122 Trento (TN)

Tel. 0461/884932 - E-mail

StudioBLQ - Web Agency Trento